Pianpinedo  
Cimolais

loghi

Comune
di
Cimolais

Intervento realizzato con il contributo della Comunità Europea Iniziativa Comunitaria Leader +, Piano Aggiuntivo Regionale, Progetto 2 "Avvio e realizzazione di un parco faunistico".
   

 

IL PARCO FAUNISTICO
Introduzione
Chi siamo

PERCORSI 
Aree faunistiche
Sentiero botanico
Il Centro visita

LABORATORI 
Test
Schede didattiche

MULTIMEDIALE
Suoni
Filmati

GALLERIA
Album animali
La flora
Visite didattiche
Concorsi

 




LO STAMBECCO

Classe: Mammiferi
Ordine: Artiodattili
Famiglia: Bovidi
Genere: Capra
Specie: ibex (Linneo, 1758)

Ø         CARATTERISTICHE SOMATICHE

Dimensioni: lunghezza compresa tra i 130 e i 160 cm; altezza al garrese di circa 90 cm.

Peso: dai 50 ai 100 kg in base all’etá ed al sesso; alla nascita circa 3 Kg.

Pelame: Il mantello subisce due mute all’anno: il pelame estivo è corto e rado, di colore grigio bruno; in autunno il pelo s’infoltisce arricchendosi di una lanugine molto calda; il colore diventa bruno scuro. 
Molto evidente è la muta primaverile, quando l’animale frequentemente si gratta per liberarsi del pelame invernale che viene perso a ciuffi, ben visibili su cortecce, pietre, arbusti.

Ø         AMBIENTE

Lo stambecco vive generalmente oltre i 2000 metri s.l.m., fino alle nevi perenni e alle creste più alte; durante l’inverno scende a quote inferiori (nei boschi di conifere) o resta sulle vette presso i versanti molto pendenti, dove la neve scivola via lasciando affiorare la vegetazione.

Ø         ALIMENTAZIONE

La dieta dello stambecco è rappresentata dalla maggior parte delle “erbacee” d’alta quota; non disdegna fogliame, cortecce, giovani arbusti, muschi e licheni soprattutto durante i mesi più freddi. Beve raramente e ricerca i sali minerali leccando alcune rocce, per favorire la propria digestione, soprattutto in primavera quando cambia regime alimentare.

Ø         VITA SOCIALE

Lo stambecco si riunisce in branchi formati da:

-      femmine adulte con capretti e giovani, guidate da una femmina anziana;

-      giovani di ambo i sessi;

-      maschi adulti solitari, generalmente guidati da un giovane di 4-6 anni tranne che durante il periodo degli amori;

-      maschi vecchi solitari o accompagnati da un altro maschio di 3-7 anni;

-      gruppetti di maschi e femmine sterili che non partecipano più agli “amori”.

Ø         RIPRODUZIONE

La maturità sessuale fisiologica viene raggiunta ad un anno in entrambi i sessi; psicologicamente gli stambecchi maschi sono maturi a 7 anni e a 3-7 le femmine.

Il periodo degli amori ha inizio nel mese di novembre; vengono stabilite le gerarchie anche attraverso dei duelli; gli accoppiamenti avvengono nel mese di dicembre fino alla prima decade del mese di gennaio.

La gestazione dura circa cinque mesi e mezzo.

I parti avvengono nel mese di giugno. Generalmente nasce un solo piccolo, rari sono i parti gemellari.

Ø         SENSI

Il senso più sviluppato è l’olfatto, seguito da udito e vista.

Ø         INSIDIE PER LA SPECIE

Denutrizione invernale, inverni con nevicate eccessive, primavere troppo rigide o con abbondanti nevicate, valanghe, malattie da virus, batteri e parassiti. Squilibrio tra le classi di età e tra i sessi.

Predatori: uomo, aquile, lince, volpe.

Ø         ETA’ MASSIMA

I maschi fino a 16 anni circa, le femmine anche oltre i 22.

 

 

   
 

BORGO PALIN
Introduzione

LABORATORI 
- pino mugo
- latte
- energie alternative
- farina

ANTICHI MESTIERI
La fornace

DINTORNI

LINK
Comune di Cimolais

CONTATTI
Pianpinedo
Comune di Cimolais